ROMA. Lavoro agile nell’era Covid19, Cafà (Cifa) alle imprese:  «I cambiamenti passano dalla formazione dei lavoratori»

ROMA. Lavoro agile nell’era Covid19, Cafà (Cifa) alle imprese:  «I cambiamenti passano dalla formazione dei lavoratori»

. La direttrice dello Spallanzani: «Noi più forti grazie alla generosità del sistema produttivo»

Roma, 13 marzo.  «Il coronavirus ha mutato le abitudini delle persone e delle aziende, costringendole ad abbracciare il cambiamento. Le imprese che hanno realizzato attività formativa e investito in nuove tecnologie oggi possono attivare processi di lavoro agile; altre più piccole hanno bisogno del nostro sostegno per farlo».

Lo ha dichiaratoAndrea Cafà,presidente dell’associazione datoriale Cifa, avviando i lavori del primo webinarCovid-19: Smart Working, sospensione delle attività e ammortizzatori sociali, con cui si è aperta oggil’iniziativa #IlLavoroContinua.

“Il ciclo di webinar gratuiti è tra le azioni promosse da Cifa per liberare la conoscenza per aziende e lavoratori resilienti. La conoscenza è l’unico antidoto. Nei prossimi giorni, Cifa e Confsal attiveranno un servizio d’informazione a distanza per consentire a imprenditori, responsabili del personale, agenzie formative e associazioni di categoria di svolgere formazione a costo zero grazie agli strumenti offerti dal fondo interprofessionale Fonarcom” ha annunciato Cafà. “In un momento così difficile vogliamo costruire una community tra imprese, lavoratori e professionisti che sappia generare sapere diffuso» ha concluso il presidente.

Per Angelo Raffaele Margiotta, segretario generale di Confsal: “E’ bene sottolineare, oggi ancor più di ieri, come il confronto tra lavoratori e imprese debba avvenire all’insegna del dialogo e della collaborazione. I tempi sono maturi e noi operiamo in tal senso”.

 

Al webinar è intervenuta anche Marta Branca, direttrice generale dell’Istituto nazionale di Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma: «Ci rende orgogliosi far parte di questo Paese quando organizzazioni come Cifa e molte imprese italiane, nonostante il periodo di crisi, contribuiscono a sostenere i medici e il personale sanitario dell’Istituto impegnati nell’ emergenza nazionale. Vedere che il lavoro del nostro team viene apprezzato ci spinge a fare sempre meglio e a dimenticare ogni stanchezza».

«In questi anni abbiamo ottenuto risultati efficaci nella prevenzione e nella cura delle malattie infettive, con particolare attenzione a quelle che causano le pandemie – ha aggiunto Marta Branca, parlando dell’attività dell’Istituto -. È un momento critico per l’Italia e per il suo sistema produttivo e ci fa onore questo partenariato solidale delle associazioni e delle imprese che, nonostante gli effetti negativi sull’economia prodotti dall’emergenza, sentono la responsabilità diaiutare medici e operatori sanitari del nostro istituto. La generosità non è affatto scontata e voglio ringraziarli. Anche se non possiamo vederci e abbracciarci sentiamo l’energia e la forza che ci trasmettono».

Sulsito www.ilavorocontinua.it è stata avviata una raccolta fondi per l’Istituto Lazzaro Spallanzani di Roma per sostenere la ricerca e l’assistenza dei pazienti affetti dal Covid19.

Ufficio stampa: Annalisa Scalco3296148860

Previous BARRAFRANCA. Pubblica Illuminazione. Il Cga dà ragione al Comune di Barrafranca sull’annullamento della convenzione Enel Sole.
Next BARRAFRANCA. Lettera straziante di due genitori che hanno perduto la loro figlioletta dopo un giorno dalla nascita.