PIETRAPERZIA. Grande spettacolo al “Chiostro in Music”.

PIETRAPERZIA. Grande spettacolo al “Chiostro in Music”.

- in Pietraperzia

PIETRAPERZIA. Si sono esibiti giovani di colore e ragazzi di Pietraperzia. A fare da cornice all’evento il chiostro dell’ex convento Santa Maria di Gesù di Piazza Vittorio Emanuele. “Chiostro in Music” realizzato dall’Associazione “Don Bosco 2000” in collaborazione con il CPIA – Centro Provinciale Istruzione per gli Adulti – Caltanissetta/Enna. Presenti all’evento, il Dirigente CPIA Giovanni Bevilacqua, il Sindaco Antonio Bevilacqua, l’assessore alla Cultura Chiara Stuppia, la docente Rosalba Candolfo, lo staff del CAS “Don Bosco 2000” di Pietraperzia.  Protagonisti della serata sono stati i migranti del centro di accoglienza che hanno proposto il ritmo della musica afro-mandinga e si sono esibiti insieme ad un gruppo di giovani pietrini sulle note della musica popolare siciliana. Si sono esibiti: “Sabbinirica group”, gruppo di percussionisti africani, musica Afromandinga. Nato nel 2016 al CARA di Mineo, inizialmente formato da 15 ragazzi , che pian piano hanno dovuto lasciare il gruppo per via dei trasferimenti presso altri centri di Accoglienza successivi alla chiusura del CARA.  Oggi sono 4 i musicisti. I giovani di  “Sabbinirica group” si sono esibiti, cantando e ballando sulle note della musica afromandinga,solo in 3 (nomi): Terema e Khalifa (Gambia) alle percussioni, Ibrahima (Senegal) al ballo. Terema, ospite del centro CAS Don Bosco 2000 di Pietraperzia, ha iniziato la sua carriera da musicista e insegnante di musica in Gambia. Ad esibirsi pure “Ottoni Sound”, gruppo di ragazzi con la passione per gli ottoni, perfezionata con gli studi presso diversi conservatori. Il gruppo, nato a Pietraperzia nel 2016, è composto da: Giuseppe Cali’, Sergio Spataro, Salvatore D’anca, Santino Privitera, Enrico Di Dio. Molto coinvolgente anche l’esibizione dei chitarristi. Sono ragazzi di Pietraperzia di età compresa tra i 12 e i 14, che hanno accompagnato la lettura dei brani tradotti dal mandinga all’italiano. Il gruppo dei chitarristi è composto da: Miriam e Matteo Romano, Domenico Rizzo, Alexandra Vlaicu, Mattia Lo Presti. Alla realizzazione dell’evento hanno partecipato tutti i migranti ospiti del CAS di Pietraperzia, gestito dall’Associazione Don Bosco 2000, che frequentano il corso di alfabetizzazione della lingua italiana proposto dal CPIA CL/EN, seguito dalla docente Rosalba Candolfo. Durante la serata degustazione del te preparato dai ragazzi seguendo le antiche tradizioni della cultura africana, mostra manufatti e dipinti realizzati da Iqbal (Pakistan), ospite del centro di Accoglienza.“L’evento – affermano gi organizzatori – ha lo scopo di favorire l’integrazione dei migranti presenti sul territorio pietrino, attraverso uno dei principali canali di comunicazione e di integrazione che supera ogni barriera culturale e linguistica, quale la musica”. “Il nostro grazie – concludono gli organizzatori – a tutto il CPIA CL/EN, alla amministrazione comunale di Pietraperzia e tutti quelli che hanno collaborato per la riuscita dell’evento”. GAETANO MILINO

You may also like

Antenne 5G. Fabio Venezia (PD): “La regione si attivi per chiedere al Governo nazionale di rivedere i valori di attenzione per i campi elettromagnetici a radiofrequenza”

“Di recente il governo nazionale ha previsto l’innalzamento