Il Salotto artistico-letterario “Civico 49” presenta il libro di Gaetano Vicari “Guida alle principali chiese di Barrafranca”

Il Salotto artistico-letterario “Civico 49” presenta il libro di Gaetano Vicari “Guida alle principali chiese di Barrafranca”

- in Barrafranca, Civico 49
I soci del Salotto artistico-letterario "Civico 49"
Gaetano Vicari presenta il suo libro

Nella riunione di giovedì 7 marzo 2019 i soci del Salotto artistico-letterario “Civico 49” di Barrafranca (EN) hanno avuto l’onore di assistere alla presentazione della seconda edizione, aggiornata ai nostri giorni, della “Guida alle principali chiese di Barrafranca e ai loro tesori nascosti” del padrone di casa Gaetano Vicari. «Conosciamo le opere dei nostri avi grazie a menti eccelse come quella di Gaetano Vicari che, amando il loro paese, ricerca le vestigia dei suoi predecessori, trascrivendole nero su bianco per lasciarle alle generazioni future. La Guida alle principali chiese di Barrafranca, appunto, amplia le conoscenze dello storico sac. Luigi Giunta e diventa la pietra miliare della storia dei beni architettonici di Barrafranca. Attento, scrupoloso e con grande capacità critica ed estetica, l’autore trascrive, con dovizia di particolari, le origini e il successivo sviluppo delle chiese barresi ancora esistenti, curandone sia l’aspetto estetico che ecclesiastico. Grande opera sia dal punto di vista storico che artistico, curata nei minimi dettagli, dal linguaggio semplice e scorrevole, dove a parlare sono le gesta dei nostri avi.» (Rita Bevilacqua).

Dopo i consueti saluti, Gaetano Vicari ha donato a ogni socio del Salotto una copia del libro, con dedica personalizzata. Successivamente ha spiegato ai presenti l’origine e il successivo sviluppo della sua opera.

La prima edizione della “Guida alle principali chiese di Barrafranca”, con la presentazione del dott. Angelo Ligotti, risale al 1984. L’idea di pubblicare un libro che avesse come argomento le chiese locali nasce dopo la partecipazione di Vicari a un programma radiofonico sulle chiese barresi, appunto, trasmesso dalla locale Radio Luce a fine anni ’70. Successivamente il materiale raccolto viene  sistemato, organizzato e pubblicato, dando vita così alla Guida. Da allora l’autore continua a ricercare e studiare le chiese, il loro sviluppo e i tesori passati e presenti custoditi al loro interno. «Oltre a riproporre la prima edizione integrale dell’opera- spiega Vicari ai presenti- ho ritenuto doveroso negli “aggiornamenti” far conoscere le modifiche e gli interventi che sono stati eseguiti nelle chiese dal 1984 a oggi.» Durante la presentazione, sono state proiettate alcune immagini che sono presenti nel libro, spiegate dall’autore con dovizia di particolari. Tutto ciò ha suscitato tanta curiosità e ammirazione per il lavoro svolto.

Al termine della serata, i soci uomini hanno donato alle donne un bouquet di mimose in ricordo della “feste delle donne”. Per chi fosse interessato al libro può rivolgersi direttamente a Gaetano Vicari.

Gaetano Vicari nasce a Barrafranca nel 1944. Professore in pensione, si diletta a scrivere.  E’ uno stimato pittore, conosciuto in Italia e fuori, autore dell’attuale quadro di Maria SS. della Stella, realizzato nel 1978 e conservato nell’omonima chiesa di Barrafranca. E’ stato l’iniziatore della tradizione pittorica barrese: a lui si deve la prima mostra di pittura organizzata a Barrafranca nel 1967. La sua scuola ha formato artisti come il sac. Giuseppe Bonfirraro, Vigi (Giuseppe Vicari), Antonino Milazzo, Ugo Avola Faraci, Calogero Mingoia e altri. Nel 1984 pubblica la prima edizione della “Guida alle principali chiese di Barrafranca”.Con l’amico Diego Aleo pubblica nel 1986 “La grande eredità- Viaggio attraverso le tradizioni della Settimana santa nel cuore della Sicilia” e nel 2015 “Uno squarcio di paese fra passato e presente- Il quartiere Grazia di Barrafranca” (Bonfirraro Editore). Nel 2015 fonda a Barrafranca (EN) il Salotto artistico-letterario “Civico 49”.

Rita Bevilacqua

 

 

You may also like

ASP Enna. Elogio per il reparto di Rianimazione e Anestesia dell’Ospedale Basilotta di Nicosia

“Con la presente, vorrei ringraziare a mio nome