PIETRAPERZIA. “Palapetra al popolo”. Lo dice la sezione provinciale Fn di Enna

PIETRAPERZIA. “Palapetra al popolo”. Lo dice la sezione provinciale Fn di Enna

PIETRAPERZIA. La segreteria provinciale di FN Forza Nuova riaccende i fari sul Palasport di contrada “Oasi di Caulonia”. La struttura si trova lungo la statale 191 Pietraperzia Barrafranca e a circa tre chilometri e mezzo di Pietraperzia. lungo il muro perimetrale della struttura collocato ul lenzuolo bianco con il simbolo di FN e la scritta “Palapetra al Popolo”. Intanto Salvatore Marotta, segretario provinciale di Forza Nuova scrive: “Con l’azione “Palapetra al popolo”, la segreteria provinciale di Enna di Forza Nuova intende risvegliare l’attenzione e l’interesse dei cittadini e della politica sulla questione del Palazzetto dello Sport sito in Bivio Luogo, tra Barrafranca e Pietraperzia. Il “Palapetra” è una struttura polifunzionale realizzata, diversi anni addietro, con fondi della Provincia ma non è mai stata aperta al pubblico per problemi, si dice, legati all’accesso dalla strada statale. Nel 2013 il Comune di Pietraperzia ha ricevuto un finanziamento di 1 milione e 620 mila euro proprio per completare i lavori e rendere finalmente fruibile la struttura. Ma tutto è rimasto come prima e il complesso rimane nell’incuria e nell’abbandono. Oltre cinque miliardi di lire buttati al vento! Una vergogna cui si deve porre rimedio”. “Per la sua capienza – continua Salvatore Marotta – il Palazzetto dello Sport sarebbe in grado di ospitare – oltre alla normale attività delle società sportive e delle scuole – manifestazioni sportive,culturali, teatrali, fiere e altri eventi anche a carattere regionale, con uno sviluppo economico per tutto il nostro territorio e possibilità lavorative per decine di persone. Facciamo appello alla politica a tutti i livelli, dal presidente della Regione al sindaco di Pietraperzia, perché si ponga fine a questo scandalo e il Palapetra venga finalmente completato e dato al popolo!” GAETANO MILINO

 

 

 

 

Previous PIETRAPERZIA. Acqua torbida e quindi non potabile. Divieto di utilizzo per il consumo umano.
Next Presentazione dell’installazione artistica natalizia “L’ATTESA”