Omicidio di Giuseppe Nicolosi, condanna definitiva all’ergastolo per Giuseppe tambè

Omicidio di Giuseppe Nicolosi, condanna definitiva all’ergastolo per Giuseppe tambè

- in Barrafranca

Barrafranca. Con la conferma dell’ergastolo a Giuseppe Tambè, come solo responsabile, si chiude una vicenda che è durata 12 anni, quella dell’omicidio di Giuseppe Nicolosi avvenuta il 28 Giugno del 2006, attirato con un incendio presso un terreno di sua proprietà e fatto segno di un colpo di fucile che lo ferì gravemente fino a causarne la morte, il povero Nicolosi sarebbe stato ucciso per motivi di confine e di pascolo essendo i due entrambi allevatori. Ergastolo confermato dunque per Giuseppe Tambè e non punibilità, per lo stretto legame di parentela, per il figlio Alessandro accusato di favoreggiamento. Gli imputati sono stati difesi dagli avvocati Paolo Giuseppe Piazza del Foro di Enna Salvatore Catania Milluzzo del Foro di Catania, mentre i familiari dell’allevatore sono costituiti parte civile con l’avvocato Gaetano Giunta, che rappresenta la vedova e le figlie di Giuseppe Nicolosi, e l’avvocato Mario Marino che è costituito per i genitori ed il fratello della vittima. Un processo difficile ma risolto considerando il fatto che a Barrafranca l’ultimo risolto risale a 30 anni fa l’ultino ad avere avuto un colpevole, infatti, e’ quello di Toto’ Saitta assassinato nel 1992 nell’ambito della guerra di mafia tra le cosche ennesi, con una condanna arrivata solo nel 2012.

You may also like

Barrafranca. “A Casicatummina”, il nuovo libro di poesie in dialetto barrese di Alessandro Geraci.

Il titolo del libro “Casicatummina” termine dialettale che