Pietraperzia. Disciplinati i passi carrabili.DATA LA PRIMA CONCESSIONE

Pietraperzia. Disciplinati i passi carrabili.DATA LA PRIMA CONCESSIONE

- in Pietraperzia

PIETRAPERZIA. Dopo l’approvazione del regolamento comunale sui “passi carrabili” l’ufficio tecnico ha cominciato a rilevare tutti quelli che sono gli abusivi. L’amministrazione comunale e la giunta hanno dato indicazione perentorie di abolire l’abusivismo. Tutti i passi carrabili devono ottenere l’autorizzazione ossia il nulla osta dell’ufficio tecnico. Già sono state presentare delle istanze ed è stata data la prima concessione autorizzata e legittima.

“Con l’occasione ricordiamo a tutti – comunica il sindaco Antonio Bevilacqua – che entro il 16 febbraio prossimo devono essere rimosse tutte le tabelle non autorizzate cioè quelle che non riportano l’intestazione “Comune di Pietraperzia” ed il numero di autorizzazione. Inoltre informiamo che la richiesta di passo carrabile può essere effettuata presso i vigili urbani alla Delegazione comunale di Via Messina e comporta il pagamento annuo di una spesa minima da 10€ a 13€ al metro a seconda della via; questi vanno moltiplicati per la larghezza dell’accesso; quindi per un garage di 3m, la spesa sarà 30€ o 39€ all’anno”.

In passato i passi carrabili sono nati in modo selvaggio ed addirittura si è avuto l’occupazione del suolo pubblico. Il consiglio comunale ha approvato l’opportuno regolamento e quindi si va verso la normalizzazioni. Inoltre essendo il paese in collina per ricavare posti macchina si è dovuto fare abusivismo talvolta anche pericoloso perché si è occupato suolo pubblico. Sarà difficile poter sanare secondo norme questo abusivismo edilizio data la struttura toponomastica del paese.

“Ci stiamo muovendo – conclude l’assessore ai lavori pubblici Michele La Placa – per rendere al minimo i disagi per i cittadini, ma nello stesso tempo vogliamo che il paese tecnicamente sia ordinato”.

You may also like

Antenne 5G. Fabio Venezia (PD): “La regione si attivi per chiedere al Governo nazionale di rivedere i valori di attenzione per i campi elettromagnetici a radiofrequenza”

“Di recente il governo nazionale ha previsto l’innalzamento