Radio Luce non trasmetterà più il Consiglio comunale e quanto previsto dalla convenzione

Radio Luce non trasmetterà più il Consiglio comunale e quanto previsto dalla convenzione

- in Barrafranca

Il 31 Dicembre del 2016 è scaduta la convenzione triennale che permetteva ai cittadini di poter seguire su ogni mezzo le sedute del consiglio comunale e le comunicazioni istituzionali. Questo è quello che in estrema sintesi prevedeva una convenzione stipulata e rinnovata ogni tre anni con la nostra associazione. In origine, parliamo degli anni ’90, il servizio era soltanto radiofonico iniziò così per caso e per la lungimiranza che ha sempre contraddistinto lo staff di Radio Luce, a quel tempo Gino Crapanzano, Biagio Bevilacqua, Giuseppe Nicolosi e Giovanni Ferro. Con l’avvento delle nuove tecnologie sono stati aggiunti il video e poi la diretta streaming con attrezzature professionali all’altezza del compito. Molti si chiedono quali costi avesse per l’ente comune tale convenzione ebbene si parla di €6000 lorde per anno, cioè €4000 circa al netto di tasse (IVA ed altro), non abbiamo sensazione e contezza se sono troppi o troppo pochi o sono giusti per il lavoro che è stato fatto, sappiamo solo di averci messo impegno, costanza e tantissima buona volontà il tutto certamente non per interessi personali di qualsiasi sorta ma per dotare questa comunità di uno strumento che ha avuto il solo scopo di mantenere alto il nome di Barrafranca. Un sentito grazie a tutte le amministrazioni, compreso l’attuale, che ci hanno dato fiducia ed a tutti i sindaci e consiglieri che si sono avvicendati dagli anni ’90 ad oggi, con loro si è instaurato di volta in volta un rapporto fraterno di amicizia che sicuramente non verrà meno anche questa volta.

Ma se non ascolterete più alla radio le sedute e non le vedrete in streaming sulla pagina di Radioluce, non vi faremo mancare certamente l’informazione sulle attività del palazzo.

You may also like

Barrafranca. “A Casicatummina”, il nuovo libro di poesie in dialetto barrese di Alessandro Geraci.

Il titolo del libro “Casicatummina” termine dialettale che