L’associazione Nazionale Carabinieri di Barrafranca dona un libro alla biblioteca

L’associazione Nazionale Carabinieri di Barrafranca dona un libro alla biblioteca

L’Associazione Nazionale Carabinieri di Barrafranca nel portare avanti il progetto “Sviluppo della cultura della legalità e rispetto delle persone diversamente abili”, ha donato alla biblioteca comunale di Barrafranca diretta dalla Dottoressa Anna Schirò, il libro scritto dal Generale Giuseppe Governale, già comandante della Legione carabinieri “Sicilia” e attualmente al Comando del R.O.S. – “”Accanto agli Italiani””. Un libro sull’affascinante storia dell’Arma dei Carabinieri. L’Arma dei carabinieri ha sempre avuto un ruolo da protagonista in tutte le fasi della storia nazionale: dalla sua nascita, nel 1814, quando Vittorio Emanuele I, ritornato sul trono sabaudo con la Restaurazione, sentì l’esigenza di dare vita a un corpo militare che si identificasse con la monarchia garantendo ordine e sicurezza ai cittadini, sino a oggi, in cui rappresenta ancora il solo volto dello Stato nei territori più sperduti. Duecento anni di fedeltà all’Italia – come recita il motto «Nei secoli fedele» – nel segno di quella «diversità» che rende i carabinieri unici, insieme corpo combattente e corpo di polizia, e sempre presenti accanto agli italiani, dalla lotta al brigantaggio nel neonato Stato unitario al contrasto del terrorismo negli anni Settanta, dall’impegno contro la mafia e le altre forme di criminalità organizzata all’intervento in occasione di gravi calamità naturali e nei teatri di guerra fuori dai confini Nazionali. Nel tempo le competenze e gli ambiti d’impiego dell’Arma si sono evoluti: all’ordine pubblico e all’attività investigativa si sono affiancate la tutela della salute, la salvaguardia dell’ambiente, la difesa del patrimonio artistico, senza dimenticare il ruolo d’eccellenza svolto all’interno di missioni internazionali nei teatri di guerra del mondo. Soprattutto, grazie all’efficiente rete dei comandi di stazioni sul territorio, i carabinieri hanno saputo conservare quell’attitudine di vicinanza ai cittadini, provvedendo alle loro esigenze di sicurezza e tranquillità e rivelandosi un punto di riferimento indispensabile nel tessuto sociale della nazione. Le pagine di questo libro, arricchite da una prefazione di Sergio Zavoli e dai saggi di Giuseppe De Rita, Emilio Gentile, Claudio Magris, Gianni Riotta e Sergio Romano, e completate dalle voci dei parenti di alcuni carabinieri medaglie d’oro caduti sul campo, ripercorrono i momenti e delineano le figure che hanno sancito il legame indissolubile fra Arma e nazione, testimoniando l’eroismo quotidiano di chi ha scelto di servire il paese, facendo il proprio dovere nei confronti della comunità. “L’Associazione – dichiara il presidente Vincenzo Pace, – ha voluto donare il libro alla locale biblioteca affinché i giovani abbiano modo di leggere e contribuire alla crescita della legalità nella comunità barrese”. Presenti alla cerimonia oltre alla Dottoressa Anna Schirò, il Sindaco professore Fabio Accardi, il Vice Presidente della Sezione Filippo Bonura con i Consiglieri Liborio Bevilacqua, il Segretario Filippo Cuda, il Capo Settore Lavori Pubblici Architetto Franco Costa, L’Architetto Pasquale Ingala della Sovrintendenza Beni Culturali ed Ambientali di Enna ed il Comandante la Stazione Carabinieri di Barrafranca Maresciallo Pasquale Scordella. Da sottolineare che il Generale Governale, autore del libro, devolverà il ricavato della vendita all’Opera Nazionale di Assistenza degli Orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri. GAETANO MILINO

Previous Piazza Armerina. E' Rosario D'Arma il nuovo comandante della stazione carabinieri
Next Pietraperzia. Obbligo di pulizia delle aree per i venditori al mercato settimanale del martedì