Solidarietà sociale. Al via l’assistenza agli studenti sordi e ciechi

Solidarietà sociale. Al via l’assistenza agli studenti sordi e ciechi

Il progetto riguarda complessivamente 26 studenti di ogni ordine e grado

Sarà garantita per l’anno scolastico 2016/2017 l’assistenza agli studenti sordi e ciechi frequentanti le scuole di ogni ordine e grado della provincia di Enna, compresa l’università.

E’ stato, infatti, approvato, dal commissario straordinario dell’Ente, Margherita Rizza, il protocollo d’intesa, siglato con l’Unione Italiana dei Ciechi e L’Ente Nazionale Sordi di Enna per la realizzazione dei progetti riguardanti rispettivamente le ” Attività rieducativo -didattiche di sostegno pomeridiano in favore dei non vedenti o ipovedenti” e il “Servizio di assistenza alla comunicazione in favore degli studenti sordi”.
L’assistenza sarà garantita ai 26 studenti della provincia che hanno fatto richiesta, di cui 13 non vedenti e 13 sordi. Relativamente ai ciechi saranno assicurate le prestazioni di un insegnante di sostegno o di un operatore-lettore presso il proprio domicilio. La realizzazione del progetto prevede che le attività rieducativo-didattiche di sostegno pomeridiano saranno svolte da personale qualificato dell’U.I.C.I-Sez. Prov.le di Enna, di regola, organizzate in 3 ore giornaliere, per sei giorni settimanali, da lunedì a sabato, secondo il calendario scolastico ed accademico dello studente.
Per gli studenti sordi sarà un operatore L.I.S., lingua italiana dei segni,specializzato dell’E.N.S a garantire le prestazioni prioritariamente, durante le ore scolastiche e in alcuni casi anche in ambito domiciliare. Il protocollo prevede un’assistenza continuativa del disabile, da articolarsi in sei giorni settimanali, dal lunedì al sabato o da lunedì a venerdì, secondo il calendario scolastico, per un numero di 3 ore giornaliere da usufruire, preferibilmente e prevalentemente, in orario scolastico o presso il domicilio del disabile.
La spesa complessivamente impegnata ammonta a circa 105 mila, di cui 47 mila per i ciechi e 58 mila per i sordi.

Previous Ancora richiusa la SP15 una vergognosa "Telenovela" che continua
Next Il sindaco Fabio Accardi sulla SP 15: " È proprio vero, come sostiene l’Anci Sicilia, ci troviamo di fronte alla catastrofe istituzionale e al totale abbandono del territorio"