Nella sede del Museo Regionale Interdisciplinare di Caltanissetta presentazione del volume “Nomismata. Studi di numismatica antica”

Nella sede del Museo Regionale Interdisciplinare di Caltanissetta presentazione del volume “Nomismata. Studi di numismatica antica”

Sabato 14 gennaio 2017 alle ore 16.30 nella sede del Museo Regionale Interdisciplinare di Caltanissetta, sito in Contrada Santo Spirito, si svolgerà la presentazione del volume “Nomismata. Studi di numismatica antica”, a cura di Lavinia Sole e di Sebastiano Tusa, Edizioni di Storia e Studi Sociali- Modica. Il volume raccoglie una serie di saggi offerti ad Aldina Cutroni Tusa per il suo novantatreesimo compleanno. Alla presentazione saranno presenti i due autori  Lavinia Sole, docente di numismatica -Università Palermo e Sebastiano Tusa, Soprintendente del Mare –Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana- Regione Siciliana. Interverranno: Emanuele Turco, dirigente responsabile polo regionale museale di Gela e Caltanissetta e per i siti culturali; Giovanni Crisostomo Nucera, dirigente responsabile Museo Regionale Interdisciplinare di Caltanissetta; Salvatore Garaffo, Emeritus, Istituto per le tecnologie applicate ai beni culturali- Consiglio Nazionale delle Ricerche; Rosalba Panvini, docente di metodologia della ricerca archeologica dell’Università di Catania; Carlo Ruta, coordinatore scientifico di Edizioni di storia a studi sociali.

Il volume raccoglie diversi saggi di grandi esperti internazionali di storia greca e romana isolana e vuole rendere omaggio ad Aldina Cutroni Tusa, docente di Numismatica antica presso l’Università degli Studi di Palermo. La studiosa è stata una profonda conoscitrice delle monete antiche, al cui studio ha dedicato oltre sessant’anni di vita, pubblicando tra il 1955 e oggi circa 200 contributi sull’argomento. Alla monetazione greca di Sicilia sono dedicati i lavori di Christof Boehringer, che si occupa della genesi della principale opera scritta da Antonino Salinas, fondatore del medagliere del Museo Archeologico di Palermo, di François de Callataÿ, che approfondisce l’origine de «l’admiration esthétique quasiuniverselle portée aux monnayages grecs de Sicile», di Wolfgang Fischer-Bossert e di Keith N. Rutter. Le emissioni di Selinunte costituiscono il tema principale degli articoli di Carmen Arnold- Biucchi e di Nicola Parise. All’hinterland della Sicilia, popolato da genti indigene e gruppi allogeni di natura mercenariale, si riferiscono invece i contributi di Renata Cantilena, che prende in esame le problematiche dei Tyrrhenoi e dei Sileraioi, di Suzanne Frey-Kupper, che ritorna sul popolamento campano di Entella, e di Lavinia Sole, che affronta lo studio sui rinvenimenti monetali nei santuari indigeni dell’entroterra siciliano. Giovanni Gorini argomenta sulla presenza di monete di zecche siciliane nel territorio aquileiese, mentre alla numismatica della Sicilia punica è dedicato lo studio di Lorenza Ilia Manfredi. Chiudono il volume tre contributi sulla numismatica romana. Uno, a firma di Andrew M. Burnett e di Andrew McCabe, tratta il caso di un bronzo a leggenda ROMANO, un altro, di Maria Caccamo Caltabiano, riguarda il quadrigato aureo con tariffa XXX, mentre l’ultimo, offerto da Salvatore Garraffo, è uno studio sulle monete tardoimperiali e, in particolare, su un’emissione rinvenuta nel tesoro di Misurata.

Rita Bevilacqua

Previous Il consigliere comunale Clorinda Perri si dimette da capogruppo dell'Udc
Next Il sistema di riscaldamento è efficiente nel plesso Europa per cui da lunedì non ci sarà il doppio turno