Legge di Bilancio 2017, allarme dell’AnciSicilia:  “A rischio i precari impegnati negli enti locali”

Legge di Bilancio 2017, allarme dell’AnciSicilia: “A rischio i precari impegnati negli enti locali”

 

 

 

 

A rischio i precari degli enti locali dell’Isola: è questo l’allarme lanciato dall’AnciSicilia.

“Se la Legge di Bilancio 2017, oggi in discussione al Senato,   – spiegano Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, rispettivamente presidente e segretario generale dell’AnciSicilia  – passerà nel testo attuale, dal primo gennaio 2017 la stragrande maggioranza dei comuni siciliani, non potendo  più  contare su migliaia di lavoratori a tempo determinato, non sarà in condizione di far funzionare i propri  uffici e conseguentemente di erogare i relativi servizi ai cittadini”.

“Si tratterebbe di una mortificazione inaccettabile di migliaia di lavoratori – continuano Orlando e Alvano – che, da oltre vent’anni, prestano la propria opera nei comuni dell’Isola e la cui retribuzione in buona parte è finanziata dalla Regione siciliana. Ci auguriamo che non sfuggano a nessuno le gravissime ripercussioni che tutto ciò potrebbe avere sulla struttura organizzativa degli enti e sulla coesione sociale dei territori”.

Vi è pertanto la necessità  – conclude il presidente Orlando – di individuare con urgenza e in ogni caso entro la fine dell’anno, attraverso un confronto tra governo nazionale e Regione siciliana, una soluzione strutturale e definitiva che fissi i criteri di un piano straordinario di assunzioni a tempo indeterminato,”.

Previous Il passaggio della campana del Soroptimist Club di Enna: Sandra Mingrino è la nuova presidente
Next Progetto "Libriamoci". Alunni della Don Milani partecipano alla giornata sulla lettura