Arrestato 44enne a Valguarnera: coltivava sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e deteneva illegalmente armi e munizioni




I militari della stazione carabinieri di Valguarnera, hanno tratto in arresto La Spina Antonio Flavio, di anni 44, pregiudicato di Valguarnera, poiché resosi responsabile di coltivazione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e detenzione illegale di armi e munizioni.
Il predetto, era da tempo tenuto sotto controllo da parte dei militari della Stazione di Valguarnera diretti dal luogotenente Nicola Lo Moro, i quali, ieri mattina, coordinati dalla Compagnia di Piazza Armerina agli ordini del capitano Vincenzo Bulla, effettuavano delle perquisizioni presso l’abitazione e la casa di campagna del La Spina.
In quest’ultimo domicilio, sito in contrada Cafeci, venivano rinvenute tre piante di cannabis indica alte circa un metro e coltivate in dei vasi, inoltre veniva rinvenuto un bilancino elettronico di precisione con il quale pesare la sostanza stupefacente prima di venire immessa nel mercato.
Presso la propria abitazione di Valguarnera, invece, veniva rinvenuto un vero e proprio arsenale composto dalle seguenti armi e munizioni:
• Due fucili semiautomatici cal. 12 con matricola abrasa;
• Una carabina cal. 91 con matricola abrasa e dotata di cannocchiale per tiro di precisione;
• Tre pistole a tamburo cal. 32 con matricola abrasa;
• 150 cartucce calibro 12 di varia tipologia;

Inoltre, venivano rinvenuti circa kg 1 di bossoli cal. 7.65 e circa kg 2,500 di ogive per cartucce cal. 7.65 con le quali il La Spina realizzava in proprio le cartucce.
Le suddette perquisizioni sono state effettuate con l’ausilio di due unità cinofile del Nucleo Carabinieri Cinofili di Nicolosi.
Sono in corso ulteriori indagini al fine di verificare se le armi sequestrate sono state utilizzate per commettere reati.
L’arrestato, ultimate le formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Enna a disposizione dell’A.G.




Previous Torneo Fratres 2016: le finaliste si sfideranno nel campetto "Privilege"
Next “Omissioni e complicità all’ Ato Rifiuti a discapito dei comuni” , così l'ex consigliare Regalbuto