La donna di Pietraperzia morsa dal “ragno violino” trasferita all’ospedale etneo Cannizzaro

La donna di Pietraperzia morsa dal “ragno violino” trasferita all’ospedale etneo Cannizzaro




La donna pietrina che si trovava ricoverata all’ospedale Umberto I di Enna è stata trasferita al Cannizzaro di Catania in terapia intensiva ma le sue condizioni sono in netto miglioramento. La pietrina G.D., settantenne, è stata sottoposta all’ospedale Cannizzaro al trattamento di camera iperbarica. Il ragno velenoso aveva iniettato il proprio veleno sul volto della donna mentre dormiva durante la notte: la donna ravvisato un evidente rossore e gonfiore al volto è stata portata in ospedale. Le conseguenze dell’ edema hanno interessato anche le vie respiratorie; da li si è ritenuto intubare la donna per aiutarla a respirare. Interessato, per il grande lavoro svolto dai medici dell’Ospedale di Enna, anche il centro antiveleni di Roma.
Il ragno violino è un piccolo ragno il cui veleno ha un’azione necrotica e nella malaugurata delle ipotesi può causare, a persone allergiche, uno stato comatoso. La comunità pietrina dopo la notizia di un miglioramento della donna ha tirato un sospiro di sollievo e spera che la donna guarisca al più presto.




Previous Il maresciallo Giuseppe Geraci è il nuovo comandante della stazione dell'Arma di Pietraperzia
Next Siciliani e Sicilianità- La MANNA di Sicilia