Avis con gli studenti nell’auditorium del liceo “Falcone” per promuovere la cultura della donazione

Avis con gli studenti nell’auditorium del liceo “Falcone” per promuovere la cultura della donazione

Donata anche una Felpa con la scritta Avis al giovane donatore Francesco Cravotta

Donare è un servizio e nel contempo arricchisce i valori universali di una comunità. Potrebbe riassumersi in queste parole l’obiettivo raggiunto da parte dei rappresentanti di istituto del liceo Falcone che hanno organizzato nell’ omonimo auditorium una iniziativa sul volontariato e solidarietà con la presenza dell’ associazione volontari italiani sangue (Avis) di cui presidente è Giuseppe La Rosa e dell’associazione italiana donazioni organi (Aido) rappresentato da Gaetano Bernunzo. Destinatari dell’iniziativa sono state le classi dell’istituto Falcone con circa 500 studenti. Ad accogliere i volontari con alcune volontarie del servizio civile, Giuliana Pepe e Chiara Faraci, il prof. Fabio Accardi, rappresentante della scuola, in sostituzione del dirigente scolastico, prof. Maria Stella Gueli. A far parte del consiglio d’istituto gli studenti Giuseppe Salamone, Chiara Lanza (presidente assemblea), Melissa Barbagallo, Giuseppe Gueli e Giorgio Saldigloria. “ Oltre alle nostre attività sulla donazione – afferma il presidente Avis, Giuseppe La Rosa – come ogni anno promuoviamo la donazione del sangue anche nelle scuole e questo è un momento oltre che bello anche entusiasmante per coinvolgere quella fascia di popolazione giovanile che poi è disposta a donare ”. L’incontro ha previsto la visione di un film sulla donazione del sangue e del midollo osseo e poi un dibattito costruttivo. “ E’ stato un momento significativo per i nostri studenti – afferma Fabio Accardi – non solo per il significato del volontariato che produce bene per gli altri in termini di salute ma anche per quei valori che ci contraddistinguono come comunità”. Donata una felpa con la scritta Avis ad uno dei giovani donatori Francesco Cravotta. ” Francesco è un esempio importante per la nostra associazione – afferma il presidente Avis, La Rosa – e apprezziamo il contributo che da per il prossimo”. La sezione locale dell’Avis è radicata nel territorio comunale dato che ha più di 600 soci attivi, ed è una delle più numerose in provincia e fino adesso in soli 7 donazioni in 4 mesi ha raggiunto quota 300 sacche di sangue. L’Avis ha diffuso anche la notizia della prossima attività: la donazione di sabato 7 maggio che si svolgerà nella sede di via Francesco Ferrara dalle 8,30 fino alle ore 11.

Previous “Mamma, oggi disegno per te”- evento organizzato dall’Ass. LiberArte Barrafranca
Next Il dirigente della provincia Colajanni fa chiarezza sui lavori della SP 4 che collega Piazza Armerina, Aidone e Valguarnera