Beneficio e contributo per il trasporto scolastico dei pendolari. Bando istituito dall’assessorato regionale dell’istruzione

Beneficio e contributo per il trasporto scolastico dei pendolari. Bando istituito dall’assessorato regionale dell’istruzione

Per avere diritto al beneficio le famiglie che hanno l'ISEE del nucleo familiare non superiore a € 10.632,94.

Il Comune, attraverso il 3° Settore Servizi alla Persona, Capo Settore Dott.ssa Anna
Schirò, rende noto che, l’Assessorato Regionale dell’Istruzione e della Formazione
Professionale, con il Bando n. 2 del 14/03/2016 e la Circolare n. 8 di pari data, detta le
procedure per la concessione di un contributo per il trasporto scolastico, urbano ed
extraurbano, finalizzato al raggiungimento della sede scolastica, anche per gli studenti con
disabilità, e servizi di assistenza specialistica in favore degli alunni delle scuole secondarie di
primo e secondo grado, statali e paritarie in possesso di esigenze di servizi di trasporto e
assistenza specialistica. La spesa ammessa a beneficio è la spesa sostenuta nell’A.S. 2015-16, per i servizi indicati, che dovrà essere completamente a carico delle famiglie e, quindi, non coperta,
neanche parzialmente, da contributi di Amministrazioni Pubbliche, giustificata da titoli di
viaggio o da altra documentazione fiscalmente valida. Per avere diritto al beneficio, l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) del nucleo familiare del richiedente, non potrà essere superiore a € 10.632,94. L’attestazione ISEE valida è quella rilasciata dopo il 15 gennaio 2016. Qualora il dichiarante non sia in possesso dell’attestazione ISEE, nell’istanza dovrà inserire soltanto il numero di protocollo e la data di presentazione DSU. Il Comune, all’interno del 3° Settore Servizi alla Persona, Servizi Scolastici e Culturali, curerà la ricezione delle domande di partecipazione che le istituzioni scolastiche provvederanno a trasmettere, procedendo all’istruzione delle stesse, al fine di verificarne l’ammissibilità, il Comune, inoltre, provvederà alla trasmissione delle graduatorie degli aventi diritto alla Regione. I soggetti interessati potranno presentare domanda presso le istituzioni scolastiche frequentate, entro e non oltre il prossimo 30 aprile, con i seguenti allegati: documento di riconoscimento in corso di validità; codice fiscale; attestazione ISEE.

Previous Si insedia il Nuovo Consiglio Direttivo della Croce Rossa di Enna
Next VIDEO/ Incontro a Enna con il giurista Felice Besostri sul tema "SVEGLIA! Difendiamo la CARTA" Costituzionale