Rilanciare l’occupazione dell’isola con la ripresa estrattiva di Pasquasia, Milena e Realmonte.

Rilanciare l’occupazione dell’isola con la ripresa estrattiva di Pasquasia, Milena e Realmonte.

Si sperimenterebbe la nuova tecnologia dei robot per monitorare le gallerie dei siti minerari


Rilanciare il comparto minerario in Sicilia anche con la ex miniera di Pasquasia in uno settore attualmente produttivo e in crescita data la richiesta di sali potassici. In un incontro tenutosi a Palermo nella sede dell’Italkali l’amministratore delegato Francesco Morgante e il presidente Scimemi hanno parlato del rilancio del comparto minerario con il presidente delle miniere dismesse Urps, Giuseppe Regalbuto e il capo gruppo di Fi all’Ars, Marco Falcone. Il tema sulle miniere in Sicilia è attuale perché sarebbe uno dei settore produttivi e in crescita data la forte richiesta di sali potassici chiamato anche oro bianco ( unico fertilizzante biologico nel mondo). Sarebbe una decina le miniere produttive in Sicilia mentre attualmente sono solo tre; tra queste Milena, Petralia Sottana e Realmonte mentre si potrebbe riattivare il più grosso bacino di kainite e karnellite a Pasquasia. Nonostante il sito abbia avuto un finanziamento di 26 milioni di euro grazie al lavoro della commissione speciale, prima, e poi la commissione Urps sempre presieduta da  Giuseppe Regalbuto, dopo, i lavori per eliminare il più grosso quantitativo di cemento amianto ( è una discarica di un milione di metri cubi di materiale altamente inquinate per l’aria e l’acqua) si sono fermati dopo l’intervento della magistratura. “ L’Italkali ancora oggi – afferma Giuseppe Regalbuto – reclama la riassegnazione della concessione estrattiva visto che ha vinto la causa e addirittura propone alla Regione una procedura innovativa per monitorare le gallerie”. Come avverrebbe l’osservazione costante delle gallerie? Tramite l’uso dei robot che potranno  visionare lo stato dell’arte delle gallerie per diversi motivi: una videocamera sui robot oltre a poter verificare lo stato delle gallerie in profondità. “ Questo è anche un modo  – continua Regalbuto – per sgombrare qualsiasi ombra su fantomatiche storie metropolitane. All’incontro ha partecipato anche il deputato regionale Marco Falcone per mettere in campo diverse strategie e istituire un tavolo tecnico di regia che coinvolga tutti gli enti preposti pubblici e privati per la ripresa estrattiva di Pasquasia, Milena e Realmonte. Dagli scarti di produzione a Pasquasia si potrebbe rilanciare un altro prodotto il magnesio metallico richiesto anche a livello mondiale.

Previous Grande successo del tour letterario del giornalista Simone Nastasi
Next Morto Glenn Frey chitarrista e fondatore degli Eagles