Siciliani e Sicilianità- la genialità di ANDREA CAMILLERI

Parlando di Sicilia e  di siciliani, spesso siamo portati a ricordare i grandi personaggi ormai scomparsi, dimenticandoci che ancora oggi vi sono in vita uomini che, con il loro operato, rendono grande la Sicilia. Questo è il caso di un siciliano doc, che con i suoi libri, letti in tutto il mondo, sta rivalutando e diffondendo la cultura siciliana. Stiamo parlando del grande Andrea Camilleri. Sin dal 1949 regista e autore teatrale, radiofonico e televisivo, ha scritto saggi sullo spettacolo. Il successo arriva nel 1992, alla non più giovane età di 67 anni, quando inizia a mietere successo di critica e di pubblico con il suo libro La Stagione della caccia (Sellerio).

NoteVerticali.it_Andrea-Camilleri_Luca-ZingarettiCamilleri si riscopre scrittore popolare grazie al personaggio, da lui inventato e conosciuto in tutto il mondo, Montalbano, anzi il Commissario Montalbano. I romanzi, editi dalla palermitana Sellerio, che vedono protagonista il commissario Montalbano, hanno superato i 30 milioni di copie con titoli tradotti in tutto il mondo. Il personaggio del commissario appare per la prima volta nel romanzo “La forma dell’acqua” del 1994, il cui nome è un omaggio a uno degli scrittori più amati da Camilleri, Manuel Vazquez Montalban, e il cui modello ideale è stato Maigret. Nel 1996 si ebbe il vero balzo mediatico, grazie ad una puntata della trasmissione di Maurizio Costanzo, dove invitava gli ascoltatori a comprare “Il ladro di merendine”, pubblicato quello stesso anno. Da allora la fortuna del commissario siciliano non si è più fermata. Tutti i romanzi di Montalbano si compongono di 180 pagine conteggiate sul mio computer, divise in 18 capitoli di 10 pagine ciascuno, come dichiara lo stesso Camilleri in un’intervista del 2010. L’intera collana dei romanzi su Montalbano comprende: 1994 – La forma dell’acqua; 1996 – Il cane di terracotta; 1996 – Il ladro di merendine; 1997 – La voce del violino; 1998 – Un mese con Montalbano (racconti); 1999 – Quindici giorni con Montalbano (racconti); 1999 – Gli arancini di Montalbano (racconti); 2000 – La gita a Tindari; 2001 – L’odore della notte; 2002 – La paura di Montalbano (racconti); 2002 – Storie di Montalbano (raccolta); 2003 – Il giro di boa; 2004 – La pazienza del ragno; 2004 – La prima indagine di Montalbano (racconti); 2005 – La luna di carta; 2006 – La vampa d’agosto; 2006 – Le ali della sfinge; 2007 – La pista di sabbia; 2008 – Il campo del vasaio; 2008 – L’età del dubbio; 2008 – Racconti di Montalbano (raccolta); 2008 – Il commissario Montalbano. Le prime indagini (raccolta); 2009 – La danza del gabbiano; 2009 – Ancora tre indagini per il commissario Montalbano (raccolta); 2010 – La caccia al tesoro; 2010 – Acqua in bocca (in collaborazione con Carlo Lucarelli); 2010 – Il sorriso di Angelica; 2011 – Il gioco degli specchi; 2011 – Altri casi per il commissario Montalbano (raccolta); 2012 – Una lama di luce; 2012 – Una voce di notte; 2012 – Una cena speciale (in Capodanno in giallo); 2013 – Un covo di vipere; 2013 – Notte di Ferragosto (in Ferragosto in giallo); 2014 – La piramide di fango; 2014 – Morte in mare aperto e altre indagini del giovane Montalbano (racconti); 2015 – La giostra degli scambi. Il successo e la popolarità di questo personaggio si deve alla serie televisiva IL COMMISSARIO MONTALBANO, prodotta da Palomar per Rai Fiction, incentrata sulle vicende professionali e private di Salvo Montalbano, interpretato dell’attore Luca Zingaretti e mandata in onda per la prima volta nel 1999. Da allora la fama si Camilleri si è legata, in modo quasi indissolubile, alle vicende del commissario Montalbano. La fiction ha acceso i riflettori sul territorio del ragusano e oltre. Difatti gran parte della serie è girata in provincia di Ragusa, nonostante i luoghi descritti da Andrea Camilleri sono la trasposizione di località del territorio agrigentino (Vigata è Porto Empedocle, il capoluogo Montelusa è Agrigento); gli esterni di alcuni episodi, come quello de la Mànnara (la Fornace Penna), sono stati girati a Sampieri, il palazzo del commissariato di Vigata è il municipio di Scicli.  Alcune scene della prima e della quinta stagione sono inoltre state girate a Custonaci (TP) e le isole Egadi.

Andrea Camilleri nasce a Porto Empedocle (AG) il 06 settembre 1925, figlio unico di Carmelina Fragapane e di Giuseppe Camilleri, ispettore delle compagnie portuali. Vive da anni a Roma. La sua carriera comincia con l’Accademia d’Arte Drammatica e nel 1942 Inizia a lavorare come regista teatrale e come sceneggiatore. Nel 1954 tenta il concorso per entrare in Rai, ma dopo un promettente orale non verrà mai. Nel 1957 sposa Rosetta Dello Siesto, con cui ha tre figlie. Nelle vesti di delegato Rai alla produzione e sceneggiatore, lega il suo nome alle più note produzioni della TV, tra i quali gli sceneggiati Le avventure di Laura Storm, con Lauretta Masiero, e le fiction con il tenente Sheridan, protagonista Ubaldo e  Le inchieste del commissario Maigret, protagonista Gino Cervi. Nel 1978 esordisce nella narrativa con Il corso delle cose, scritto dieci anni prima e pubblicato da un editore a pagamento, ma è un insuccesso. Nel 1980, pubblica con Garzanti Un filo di fumo, primo di una serie di romanzi ambientati nell’immaginaria cittadina siciliana di Vigata, a cavallo fra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento. Nel 1984 pubblica, per Sellerio Editore, La strage dimenticata, senza successo. Nel 1992 riprende a scrivere dopo dodici anni di pausa e pubblica La stagione della caccia e nel 1993 La bolla di componenda, entrambe presso Sellerio Editore. Nel 1994 pubblica La forma dell’acqua, primo romanzo poliziesco con il commissario Montalbano e in seguito nel 1995 Il birraio di Preston, nel 1999 La concessione del telefono e La mossa del cavallo. Nel frattempo continua a pubblicare con Sellerio altri romanzi che vedono protagonista il commissario Montalbano. Tanti i romanzi e i racconti scritti da Camilleri… Tanto per citarne alcuni: L’ombrello di Noè. Memorie e conversazioni sul teatro, Milano, Rizzoli, 2002; Il medaglione, Milano, Oscar Mondadori, 2005; La pensione Eva, Milano, Mondadori, 2006; Vi racconto Montalbano. Interviste, Roma, Datanews, 2006; La rivoluzione della luna, Palermo, Sellerio, 2013; I racconti di Nené, Milano, Melampo, 2013; Donne, Milano, Rizzoli, 2014 ( da cui è tratto l’omonima serie televisiva, prodotta dalla Rai, in fase di registrazione).

Rita Bevilacqua

Previous Viale Generale Cannada a senso unico, ordinanza del Comandante della PM
Next A giorni cominciano i lavori per lo svincolo Pietraperzia Caltanissetta