Il monumento ai caduti della “Grande Guerra”

Il monumento ai caduti della “Grande Guerra”

Vogliamo ricordare uno dei simboli di Barrafranca (EN), chiamato affettuosamente dai barresi U PUPU. Stiamo parlando del monumento ai caduti della “Grande Guerra” sito in Piazza Regina Margherita e inaugurato il 3 novembre 1935. Andiamo per ordine. Durante il periodo fascista, e precisamente nel 1933, a Barrafranca diventa segretario del Fascio il cavalier Onofrio Virone. Il governo fascista decide di erigere un monumento ai Caduti della 1 guerra, da porre in piazza Convento, l’attuale Piazza Regina Margherita. In seguito alla delibera del 30 novembre 1933 viene nominata una commissione, presieduta da:

Segretario del fascio dei Combattenti;

Segretario del fascio Femminile;

Comandante della M.V.S.N.;

Presidente dei Mutilati;

Presidente dei Combattenti;

Presidente degli Smobilitati;

Presidente della società “La Barrese”;

Presidente della società “Cassa rurale”;

Presidente della società “Dopolavoro Operai”;

Presidente del “Circolo di Cultura Fascista”;

Presidente della “Congregazione di Carità”;

Presidente del Fascio Giovanile.

Per raccogliere i fondi necessari fu iniziata una sottoscrizione pubblica e fu indetta una lotteria. Padre Ferdinando Cinque, parroco della chiesa Madre, si prodigò molto per la realizzazione del monumento, chiamando a raccolta il popolo barrese, il quale contribuì con entusiasmo. Un ruolo importante ebbe anche l’ing. Luigi Salvaggio, commissario prefettizio del Comune di Barrafranca (31/12/1933- 03/07/1936) che chiamò a raccolta il popolo perché contribuisse. La popolazione rispose con entusiasmo e vi contribuirono pure emigrati ovunque si trovassero e i numerosi barresi sparsi per l’Italia. Il 21 febbraio del 1935 il comm. prefettizio Luigi Salvaggio, delibera di affittare i locali del sig. Giuseppe Strazzanti per proseguire la lotteria per l’erigendo monumento ai caduti. Il monumento fu inaugurato il 3 novembre 1935. Davanti ad esso, pochi mesi dopo, si svolse la cerimonia di consegna dell’oro e delle fedi matrimoniali alla Patria. (Fonti: S. Licata e C. Orofino, “Barrafranca. La storia, le tradizioni, la cultura popolare”, 3 edizione, 2010. Salvatore Ciulla, “Barrafranca negli anni trenta”, prima parte, Palermo novembre 1985-marzo 1986)

Particolarità del milite posto sopra un piedistallo di marmo, ai cui lati sono incisi i nomi sia dei morti che degli scomparsi della “grande” guerra, è la posizione scorretta in cui si trova il soldato: se alzi il braccio destro per lanciare la bomba, per tenere l’equilibrio e tirare, bisogna portare in avanti la gamba sinistra e non la destra come fa il nostro soldato. Ecco la particolarità: il saldato è stato realizzato in modo sbagliato. Il monumento era stato preparato per un altro paese, si dice Bagheria, ma essendo sbagliato venne rifiutato. Così Barrafranca lo acquistò a metà prezzo.

Negli anni ’50, per creare una piazza più ampia, il monumento fu spostato più indietro, e cioè nel punto dove si trova adesso. Da allora fino ai nostri giorni ha subito varie modifiche. Dopo lo spostamento del monumento a fine piazza, attorno vi fu creata una protezione di marmo e circondata da catena. Nel 1989 ai piedi fu aggiunto un cannone, risalente alla 2ªguerra mondiale e una lapide a ricordo dei caduti di tutte le guerre. Dopo l’ultimo restauro, la lapide è stata tolta e il cannone adesso si trova presso il Museo Bellico, sito in Piazza Fratelli Messina. Negli anni divenne il punto d’incontro dei ragazzi barresi che, andando a passeggiare con le famiglie, si riunivano davanti ” u pupu” a giocare. Tradizione che ancora oggi continua. Riporto l’elenco dei morti e dei dispersi che trovate nelle lapidi laterali del piedistallo del monumento:

Sott.Ten. LIGOTTI ANGELO fu Liborio

Capor. BARBAGALLO LUIGI

‘’        FARACI GAETANO

‘’        GAGLIOLO ALFONSO

‘’        LA ZIA SALVATORE

‘’        PANEPINTO ANGELO

‘’        TAMBE’ ALESSANDRO

Sold.      AIELO GAETANO

‘’         ASSENNATO SALVATORE

‘’         AVOLA ROCCO

‘’         BEVILACQUA GIUSEPPE

‘’         BEVILACQUA LIBORIO

‘’         BONAFFINI GIUSEPPE

‘’         BONAFFINI LUIGI

‘’         BONAFFINI SALVATORE

‘’         BONFIRRARO ANTONINO

‘’         BONFIRRARO GARTANO

‘’         BONFIRRARO GIUSEPPE di Giuseppe

‘’         BONFIRRARO GIUSEPPE di Salvatore

‘’         BONFIRRARO GAETANO

‘’         BONFIRRARO PIETRO

‘’         BOTTIGLIERI GIUSEPPE

‘’         BRUNO ALESSANDRO

‘’         CAMPOCHIARO MATTEO

‘’         CASSERO PIETRO

‘’         CASTRONUOVO SALVATORE

‘’         CENTONZE PAOLO

‘’         COLLURA ONOFRIO

‘’         COSTA GIUSEPPE

‘’         COSTA SALVATORE

‘’         CRAPANZANO GIUSEPPE

‘’         CUCCHIARA GIOVANNI

‘’         CUCCHIARA GIUSEPPE

‘’         D’ALEO GIUSEPPE

‘’         D’ALESSANDRO VINCENZO

‘’         D’ANGELO GAETANO

‘’         DIDIO SPAGNUOLO SALVATORE

‘’         FALLUZA AGOSTINO

‘’         FARACI GIUSEPPE

‘’         FARACI GIOVANNI

‘’         FARACI SALVATORE

‘’         FAUDONE ALESSANDRO

‘’         FERRIGNO GAETANO

‘’         FRANCHINO GIUSEPPE

‘’         GAGLIANO SALVATORE

‘’         GAGLIOLO VINCENZO

‘’         GALIANO BENEDETTO

‘’         GERACI CALOGERO

‘’         GIAMMUSSO SALVATORE

‘’         GIUNTA ANGELO

‘’         GIUNTA FILIPPO

‘’         GIUNTA GIOVANNI

‘’         GIUNTA PAOLO

‘’         GUGLIARA FILIPPO

‘’         IUDICA ANTONINO

‘’         LA DELFA GIUSEPPE

‘’         LA LOGGIA GIOACCHINO

‘’         LANZA GIUSEPPE

‘’         LA PORTA GIUSEPPE

‘’         LA ZIA FILIPPO

‘’         LA ZIA SALVATORE

‘’         MADONIA FILIPPO

‘’         MARCHI’ COSIMO

‘’         MASOTTA GIOVANNI di Filippo

‘’         MASOTTA GIOVANNI di Ignazio

‘’         MASSA PASQUALE

‘’         MASUZZO SEBASTIANO

‘’         MATTINA LIBORIO

‘’         MESSINA CALOGERO

‘’         MUNDA LUIGI

‘’         NICOLETTI SALVATORE

‘’         NICOSIA MARIANO

‘’         PALMERI GIUSEPPE

‘’         PANEPINTO ANGELO

‘’         PANEPINTO GIUSEPPE

‘’         PATERNO’ ALESSANDRO

‘’         PIAZZA GIOVANNI

‘’         PITRELLA FILIPPO

‘’         RAZZA GIOVANNI

‘’         RAZZA MARIANO

‘’         RUSSO ALESSANDRO

‘’         SANSONE LUIGI

‘’         SEGGIO LUIGI

‘’         SICILIANO ALESSANDRO

‘’         SIMONTE ANTONINO

‘’         SPATARO CALOGERO

‘’         SPATARO GIUSEPPE di Calogero

‘’         SPATARO GIUSEPPE di Steliario

‘’         STRAZZANTI SALVATORE

‘’         TERRANOVA LUIGI

‘’         TORTORICI MICHELE

‘’         TUMMINO GIACOMO

‘’         TUMMINO GIUSEPPE

‘’         VERDURA PIETRO

Rita Bevilacqua

Previous Calcio fraudolento a Catania/ Falcone (FI) e D’Asero (NcD): “Le forze sane della Città riportino il calcio catanese all’interno di un percorso di crescita sociale”
Next Tutti per una/ 5 edizione. A vincere è stata la solidarietà: raccolti circa 3 mila euro da destinare alla ricerca contro la Sla