Lite con armi da taglio finisce con tre feriti

Lite con armi da taglio finisce con tre feriti

Barrafranca – ,Si è chiuso con tre feriti, di cui uno sarebbe stato colpito con un’arma da taglio noti identificata, forse un «cutter», ma non sarebbe in pericolo di vita, ilbilancio di una lite avenuta all’interno di un negozio di Barrafranca. Lo scontrò sarebbe stato dovuto a una piccola somma di denaro. La situazione ha rischiato di degenerare quando uno dei tre avrebbe preso in mano, per difendersi – secondo quanto ha sostenuto – un “cutter”. Secondo quanto si è appreso, i tre erano un negoziante e altri due barresi. EI oggetto della discussione era un credito vantato dal negoziante. Ad avere la peggio sarebbe stato proprio uno dei due “clienti”, anche se la notizia è aricora tutta da confermare, Sta di fatto che alla fine per la colluttazione tutti sarebbero rimasti feriti, mentre qualcuno ha chiamato i carabinieri, È una vicenda su cui, da come si capisce, gli investigatori hanno mantenuto sinora il più stretto riserbo. Indagano i carabinieri della stazione di Barrafranca, che fa parte della Compagnia di Piazza Armerina, diretta dal capitano Rosario Scotto di Carlo. L’inchiesta è coordinata dalla Procura della Repubblica di Enna. I militari per il momento ci starebbero lavorando con l’obiettivo di vederci chiaro sulle ragioni di quanto accaduto, oltre che sull’esatta dinamica dell’episodio. Non è chiaro se qualcuno dei feriti si sia difeso reagendo né chi abbia ferito chi. Quel che è certo è che fortunatamente non ci sarebbero conseguenze letali: le prognosi sono state sciolte immediataniente da parte dei medici dell’ ospedale, dove sono stati medicati per le prime cure del caso Una vicenda che comunque conferma quanto diffusi siano i dissidi privati in provincia di Enna, dove continuamente vengono istrtnti fascicoli in Procura per vicende legate a lesioni, a volte reciproche; e, più dirado, autentiche aggressioni fisiche. Il materiale raccolto arriverà dunque in Procura, dove potrebbe essere istruito un fascicolo, qualora le ipotesi di reato fossero perseguibii d’ufficio. Attualmente non sarebbero state ancora presentate denunce da parte di nessuno, Viceversa, se non si configurassero eventuali aggravanti, la vicenda potrebbe anche chiudersi senza ulteriori strascichi. (»JTR»)

Fonte GDS

Previous S.E. Mons Rosario Gisana chiude gli esercizi spirituali
Next Oggi tributo contro il femminicidio