Barrafranca. Clorinda Perri “Quando la vecchia politica la fa franca, il conto lo paga l’onesto cittadino”

Barrafranca. Clorinda Perri “Quando la vecchia politica la fa franca, il conto lo paga l’onesto cittadino”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a cura del vice presidente del consiglio comunale

“Quando la Vecchia Politica la fa Franca, il conto lo paga l’onesto cittadino!
Ancora una volta il sindaco Accardi e la sua compagine politica decidono di non decidere, ebbene sì, ci ritroviamo di fronte a una situazione irreale in cui il sindaco non tutela i suoi cittadini ma li scambia per dei bancomat

È chiaro a tutti ormai che per l’amministrazione Accardi e la sua maggioranza, la grande soluzione per colmare le carenze politico amministrative degli ultimi anni (tra cui alcuni suoi consiglieri) è quella di far pagare ai cittadini i danni causati dalla mala gestio degli ultimi decenni.

Tassare i cittadini e non tutelarli, non assumendosi la responsabilità di portare avanti determinate scelte ma adagiandosi sugli allori in attesa del commissario ad acta, nominato illegittimamente e su richiesta del governo locale, il quale ha dimostrato di cospirare contro il consiglio comunale auspicandone probabilmente uno scioglimento anticipato.
Questo per voi è un sindaco che lavora per il nostro bene e per migliorare le sorti della nostra martoriata Barrafranca? I fatti dicono di no!
🔸Risulta impensabile e non si può pretendere che i cittadini paghino una tassa retroattiva come l’Irpef istituita nel 2016 dal commissario Guida, per gli anni 2014 e 2015. Lo stesso commissario Guida prima e Parrinello dopo non hanno ravvisato l’opportunità di introdurre questi tributi retroattivamente, né tanto meno il responsabile del servizio finanziario né ha ravvisato la necessita!
Come mai adesso sembra l’unica soluzione utile per chiudere i bilanci? Forse la più semplice? Scaricare sul cittadino le inadempienze altrui.

🔸Nel frattempo sono passati anni e non è stato prodotto nessun documento contabile degno di questo nome, nessuna azione di contrasto alla riduzione delle spesi corrente è stata fatta e nessuna lotta all’evasione scaricando così la sterilità dell’azione politica sui cittadini e tassandoli al massimo addirittura in maniera retroattiva!
Tutto questo probabilmente per dichiarare poi un nuovo dissesto finanziario pur di mantenere inalterato lo status quo dell’ente e della città?

🔸Non si può pretendere inoltre che sempre i cittadini paghino la differenza dei tributi come Imu e Tasi di quegli anni, se come sostengono loro sono obblighi di legge mi chiedo dove era la Regione quando per ben 2 anni non venivano approvati i documenti finanziari e veniva inoltre omessa la dichiarazione di dissesto finanziario?

🔸Io personalmente non sono mai stata d’accordo, sono convinta che siano illegittime e come tale mi impegnerò a bloccarle e a tutelare le migliaia di cittadini contribuenti che ingiustamente ed illegittimamente si vedranno recapitare tali tributi.
Appena appresa la notizia delle deliberazioni del commissario ad acta, fatte in gran segretezza, ho iniziato a valutare il modo migliore per contrastare quanto deliberato dal commissario Petralia; ci stiamo già organizzando con alcuni colleghi di minoranza per far fronte comune con tutti gli strumenti che abbiamo a nostra disposizione per bloccare ed evitare l’ennesimo scempio amministrativo che la solita politica sta compiendo nei confronti della città, un vero e proprio “Sacco” ai danni del contribuente.

Chiederemo inoltre al Ministro Tria (Ministro Economia e Finanza) l’invio urgente di un’ispezione ministeriale per fare finalmente chiarezza, come mai nonostante le mozioni, gli ordini del giorno e le diffide, sono passati ben 2 anni e mezzo ed ancora non si ha l’ombra di un bilancio, per far chiarezza siamo disposti a ricorrere anche a delle azioni forti per fermare tanta scelleratezza!
Chi non vuole combattere per tutelare la città dovrebbe solamente rassegnare le proprie dimissioni!

Invito infine tutta la cittadinanza a partecipare in massa al consiglio comunale di giorno 26 settembre durante il quale sarà trattato un o.d.g. relativo ai tributi retroattivi illegittimamente deliberati, così il cittadino potrà finalmente riconoscere chi da una parte vorrà tutelarlo e chi invece tassarlo ingiustamente!
Grazie per l’attenzione, seguiranno aggiornamenti sul caso!”

Clorinda Perri

Previous Barrafranca. VIDEO. Rapina alla MPS i carabinieri arrestano uno dei rapinatori
Next Troina .Emergenza idrica: analisi congiunte di Siciliacque, Acquaenna e ASP ai campioni prelevati nei prossimi giorni