PIETRAPERZIA. Inaugurata la statua del Cuore di Gesù al Canalicchio.

PIETRAPERZIA. Il “manufatto”, a grandezza naturale, per il centenario della fondazione dell’ordine delle suore “Ancelle Riparatrici” e della confraternita “Sentinelle di Corte”. È stato collocato in cima alla vasca di fiori “Canalicchio” adottata dalle suore “Ancelle Riparatrici” di Pietraperzia. Direttrice dell’istituto di Pietraperzia è suor Vittoria Spampinato. Il Governatore delle “Sentinelle di Corte” cittadine è Enzo Amico. Liturgia di benedizione con il clero locale: don Giovanni Bongiovanni, don Osvaldo Brugnone e don Angelo Ventura, rispettivamente parroci di Santa Maria di Gesù, Matrice e Madonna delle Grazie, e con don Pino Rabita, direttore della Pastorale Regionale Sicilia.

A presiedere, don Giovanni Messina, cappellano dell’istituto Suore Ancelle Riparatrici. La statua scoperta dal sindaco Antonio Bevilacqua in fascia tricolore. Padre Messina ha parlato della nascita, cento anni fa, delle Ancelle Riparatrici e delle Sentinelle di Corte. A volere la nascita di queste due “entità” è stato monsignor Antonio Celona, vescovo di Messina. “Questo vuole essere un segno della nostra devozione – ha detto don Giovanni Messina – perché sono passati cento anni dalla nascita della congregazione delle suore Ancelle Riparatrici”. “Loro – ha continuato padre Messina – si offrono al Signore ogni giorno in riparazione di tutto il male operato nel mondo”. “Chiedono anche al Signore che conceda al mondo la pace, la libertà e il lavoro”. Al termine, suor Vittoria Spampinato ha dato lettura della lettera di saluti di suor Natalina Maria De Sousa direttrice generale delle Ancelle Riparatrici. Gaetano Milino

Previous L’ex presidente del Parco dei Nebrodi, Antoci agli studenti dell’ISISS G. Falcone di Barrafranca: “Ecco la mia rivoluzione della normalità”
Next Manifestazione finale del Pon della scuola media "Verga"