Salvatore Martinez a Bruxelles alla Conferenza Internazionale sulle vittime di violenze etniche e religiose nel Medio Oriente

Salvatore Martinez a Bruxelles alla Conferenza Internazionale sulle vittime di violenze etniche e religiose nel Medio Oriente

Salvatore Martinez interviene alla 3° Conferenza Internazionale Ministerialesulle vittime di violenze etniche e religiose
nel Medio Oriente. Il Presidente della Fondazione Vaticana “Centro internazionale Famiglia di Nazareth” SalvatoreMartinez è in missione a Bruxelles, anche nella veste di Rappresentante Personale della PresidenzaItaliana in esercizio OSCE 2018, Dimensione 3 sui “Diritti umani” con delega alla “Lotta alRazzismo, Xenofobia, Intolleranza e Discriminazione dei Cristiani e di Membri di Altre Religioni”.
Salvatore Martinez interverrà oggi a Bruxelles, presso l’Egmond Palace, alla Conferenza Internazionale Ministeriale sulle vittime di violenze etniche e religiose nel Medio Oriente, co-presieduta dal Regno del Belgio e dalla Repubblica Libanese.
Lo scopo della Conferenza internazionale, a tre anni dall’adozione del Piano di azione di Parigi del 2015 e un anno dopo la Conferenza internazionale di Madrid, è di ripercorrere lo stato dell’arte a
seguito della sconfitta militare di Da’esh in Iraq e Siria e di indivi duare i rischi, le prospettive e leiniziative da mettere in campo sulle tematiche oggetto di discussione. Dopo una sessione plenaria, nella quale i Ministri degli Esteri di diversi Paesi si soffermeranno sul
tema generale della conferenza, il tema “pace, giustizia e istituzioni forti” sarà declinato in due specifiche sessioni, con riferimento rispettivamente al controllo e alla riconciliazione e dunque alla
partecipazione inclusiva e alla prevenzione. Alla Conferenza internazionale parteciperanno Ministri e Alti Rappresentanti provenienti da diversi Paesi del mondo oltre a Sua Maestà il Re Filippo di Belgio.

Previous Pietraperzia. “La Grotta del Lampo” di contrada Rocche presentata nei suoi vari aspetti
Next Barrafranca. Il ritmo travolgente di Davide Campisi ha trascinato e coinvolto il pubblico barrese