L’Italia delle SLOT, Barrafranca comune “virtuoso” con oltre 2 milioni di euro giocati

L’Italia delle SLOT, Barrafranca comune “virtuoso” con oltre 2 milioni di euro giocati

Barrafranca – La GEDI Gruppo Espresso ha effettuato una interessante ricerca nel settore delle slot machine per capire a quanto ammonta la spesa pro capite di ogni cittadino per le giocate con le cosidette maccjinette che si trovano ormai facilmente ovunque. Nel sito della stessa GEDI si possono leggere le seguenti definizioni:

  • Giocate pro-capite: Quanto spende in macchinette in media ogni abitante di un Comune o di un territorio
  • VLT: Le Videolottery (o VLT) sono apparecchi che accettano anche banconote, sono presenti in locali dedicati e consentono giocate e vincite più alte rispetto alle AWP
  • AWP: Chiamate anche “New Slot”, sono apparecchi elettronici che accettano solo monete e sono presenti anche in bar e tabaccherie.

Ciò premesso diciamo subito che al momento della rilevazione riferita al 2016, a Barrafranca non vi erano presenti le VLT mentre erano presenti 28 AWP con una media di apparecchi presenti per 1000 abitanti di 2,1.

Nel 2016 i “Virtuosi” cittadini di Barrafranca hanno giocato qualcosa come 2 milioni 150 mila euro. Lo scriviamo per esteso per evitare equivoci, con una giocata pro capite di 163 euro, considerando che Il comune di Barrafranca ha una popolazione di 13.212 abitanti con un reddito pro-capite pari a 11.216€. Nel 2015 le giocate pro capite erano di 115 euro.

Il dato che più fa riflettere è  che sicuramente non tutti i 13000 abitanti giocano con queste macchinette mangiasoldi per cui i 163 euro diventano molto di più e vanno ad intaccare il reddito familiare, in alcuni casi  anche in modo considerevole, causando disagi e problemi che hanno ripercussioni non solo nel proprio ambito familiare ma anche nella società.

Questi cittadini sono affetti da Ludopatia, la quale non è altro che ” Dipendenza patologica dai giochi elettronici o d’azzardo.” che sul sito del ministero della salute viene definita come “Disturbo da gioco d’azzardo”.

Ma perchè il comune di Barrafranca viene definito virtuoso, anche se rimane una magrissima consolazione? Perchè ha l’indicatore, due ciliegine, a 5.

  • Questo indicatore descrive la virtuosità di un Comune.
    L’indice è calcolato su una scala da 1 a 5. Più è alto e più il comune è virtuoso e quindi con una bassa diffusione di slot e con poche giocate.

Ma diamo uno sguardo ai nostri cugini di Pietraperzia che si giocano ben 257 euro pro capite con una popolazione di 6.919 abitanti con un reddito pro-capite pari a 11.016€, ai pietrini vanno 4 ciliegine, meno “virtuosi”, quindi, dei barresi.

IL SITO DELLA GEDI

 

 

Previous Troina - Arriva la carta di identità elettronica
Next Presentazione del libro “Fuck cancer, hai sbagliato donna! La terapia della danza orientale”