La Torre di Federico II di Enna accoglierà un’Accademia di falconeria federiciana

La Torre di Federico II di Enna accoglierà un’Accademia di falconeria federiciana

La Torre di Federico II di Enna si prepara ad accogliere un’accademia di falconeria federiciana guidata dal maestro falconiere Agatino Grillo. Si tratta di un’iniziativa di portata storica, visto che è la prima volta in tutta Italia che un’istituzione pubblica (il Comune di Enna, sollecitato dalla Casa d’Europa) sostiene la creazione di una scuola di falconeria. Nei giorni scorsi si è svolto un incontro operativo tra l’ideatrice della manifestazione “Settimana federiciana ennese” Cettina Rosso, il sindaco di Enna Maurizio Dipietro e il maestro Grillo, titolare del Centro rapaci dell’Accademia siciliana falconieri Federico II di Svevia. Si tratta di un grande progetto che vede al centro la città di Enna e la Torre federiciana che, con i suoi spazi esterni e le sua sale interne, esprimono una vocazione naturale per la falconeria.

La Torre di Federico II è uno dei maggiori monumenti federiciani conservati nel territorio italiano. Secondo studi recenti risalirebbe alla metà del XIII secolo e secondo tradizione è opera di Riccardo da Lentini. Era la residenza estiva preferita dall’Imperatore durante i suoi soggiorni in Sicilia.

E’ stata così scelta quale Dimora del Falconiere e tra breve sarà in grado di attrarre presenze da tutta Europa, divenendo il fulcro di ricercatori, studenti di ogni età e amanti del Medioevo. Il sogno di Agatino Grillo, con una passione trentennale per la falconeria e da oltre dieci anni alla guida dell’Accademia di falconeria di Misterbianco (Catania), è quello di fare della Torre di Federico anche un museo tematico multimediale sulla falconeria federiciana. Non solo gufi, aquile, falchi e altri rapaci, quindi, ma un tuffo vero e proprio dentro l’arte più amata dall’imperatore svevo.

Ricordiamo che la falconeria italiana nel dicembre 2016 è stata dichiarata dall’Unesco patrimonio culturale immateriale dell’umanità.

Rita Bevilacqua

Previous Il cuore della Sicilia nel cuore dell'Unesco
Next Gela, uccide la madre e tenta di assassinare il padre: arrestato