Pietraperzia. L’ultimo saluto all’ex sindaco Michele Bonaffini

Pietraperzia. L’ultimo saluto all’ex sindaco Michele Bonaffini

PIETRAPERZIA. La chiesa Santa Maria di Gesù di piazza Vittorio Emanuele non ha potuto contenere le numerose persone. Molti sono arrivati anche da fuori Pietraperzia. Tante persone sono rimaste fuori in un caldo pomeriggio di metà giugno. Sul coperchio della bara un cuscino di roselline rosse. In chiesa anche l’attuale sindaco di Pietraperzia Antonio Calogero Bevilacqua. nella stessa chiesa c’era il gonfalone del Comune listato a lutto. Nel primo banco della chiesa era seduta l’anziana madre di Michele Bonaffini. Uno scrosciante applauso si è levato al termine della cerimonia funebre. Le numerose persone hanno impiegato più di un’ora per potere salutare i parenti. Un altro applauso, a conclusione dei discorso celebrativo tenuto dal sindaco Bevilacqua. Queste le parole del sindaco. “Michele Bonaffini è stato un personaggio importante nel nostro Comune. Chi ha avuto a che fare con lui ha avuto modo di rapportarsi sotto diversi aspetti con la sua figura. Tutti noi, però, lo ricordiamo per essere stato sindaco negli anni Novanta”. “Il suo impegno in politica – continua Antonio Bevilacqua – è sempre stato notevole e importante sia per la sua figura che per il Comune. Lui si è impegnato fin da giovanissimo a svolgere azione anche in questa attività politica”. “Io lo ricordo negli Anni Novanta quando si facevano le campagne elettorali. Allora io piccolino seguivo da bambino queste campagne elettorali e lo ricordo con piacere quando lui organizzava le varie manifestazioni. Oltre ad essere stato un sindaco e un politico importante per il nostro Comune, è stato anche un grande uomo dal punto di vista della famiglia perché è stata una persona che si è fatta sicuramente apprezzare a livello familiare nonostante sia stato così impegnato in politica”. “Il problema è proprio questo; riuscire a coniugare l’attività politica con gli impegni familiari e non tutti ci riescono”. “Lui è stata una persona molto amata dalla moglie Mariella e continua ad essere amato dalle due figlie nonché dal resto della famiglia”. “Penso che, al di là dell’evento tragico, – continua il sindaco Antonio Bevilacqua – la sua forte presenza e la sua forte influenza positiva sia sulla famiglia che sugli amici, sicuramente continuerà”. “Nonostante si muoia, ci può sempre essere un collegamento con quella che è stata la sua figura e con gli insegnamenti che ha lasciato”. Sicuramente, da questo punto di vista, alle figlie va il nostro pensiero. Il sindaco Antonio Bevilacqua conclude: “Certamente verrà loro a mancare una figura importante ma lui, da lassù, continuerà in qualche modo, a farsi sentire”. GAETANO MILINO

Previous Pietraperzia. Festa di Sant’Antonio di Padova con folta partecipazione di fedeli
Next Enna. Operazione «GoodFellas». Catturato Arcaria, sfuggito alla cattura il giorno dell’operazione: è stato rintracciato all’aeroporto di Catania dopo il rientro da Malta