Ccu stu friddu e sta jlata… bellissimo canto natalizio suonato durante le novene

Ccu stu friddu e sta jlata… bellissimo canto natalizio suonato durante le novene

Per tradizione, Natale è sinonimo di NOVENA, non solo come pratica liturgica che si svolge nelle chiese, anche come  pratica di allestire degli altarini, “i nuveri”, anticamente nelle case private e in seguito attorno alle “figuredde ” (edicolette votive) delle strade dei paesi. Si attende la nascita di Gesù Bambino recitando rosari, preghiere e intonando canzoni, rigorosamente in dialetto siciliano, che avessero come argomento le vicende di Maria e Giuseppe, il loro peregrinare alla ricerca di una capanna e la nascita di Gesù Bambino. Le novene “casalinghe” erano cantate da gruppi di comari che la sera si riunivano per intonare lunghe filastrocche, qualche volta associate al suono della “ceramella” (piffero). Poi s’iniziò ad abbellire, con alloro e arance, le “edicolette votive” poste sui muri esterni delle case, per poi arrivare alle moderne novene, realizzate con veri e propri altarini, più o meno elaborati. Oggi come allora, si continuano a cantare le vecchie nenie di una volta, accompagnati da gruppi di suonatori, zampognari o appartenenti a qualche banda musicale, che rendono più emozionante l’ascolto delle melodie natalizie.

Tra i testi dialettali suonati e cantati per Natale, oggi vi proponiamo il testo della canzone conosciuta come “Ccu stu friddu e sta jlata…“. Formato da quattro strofe intercalate da due diversi tipi di ritornelli, il testo narra il pellegrinare di Maria e Giuseppe alla ricerca di un alloggio, per ripararsi dal freddo e poter riposare. E proprio in quell’umile alloggio trovato che si compie il miracolo della nascita del Salvatore: “Ni na povira mangiatura parturiu a gran Signura menzu u voi e u sciccariddu nasci poviru u Bamminiddu!”

Ne riportiamo il testo completo:

 

Ccu stu friddu e sta jlata…

Rit. Ccu stu friddu e sta jlata

cu ti ci porta menzu  a strata.

-E Maria cu San Giuseppi

e lu nostru redenturi

caminaru jornu e notti

ccu lu lu friddu di la stagiuni.

Rit. Ccu stu friddu e sta jlata

cu ti ci porta menzu a strata.

-Ni na povira mangiatura

parturiu a gran Signura

menzu u voi e u sciccariddu

nasci poviru u Bamminiddu.

Rit. Ccu stu friddu e sta jlata

cu ti ci porta mensu a strata.

-Quannu ddà furu  arrivati

Maria stanca si ripusà

idda vitti ccu grandi amuri

ava nasciutu  u Redenturi.

…Gloria, gloria in ecelsiu Deo

Paci in terra a nui ci dà…

…Gloria, gloria in eccelsiu Deo

Paci in terra a nui ci dà

-E ccugiubilu e alligria

cantammu tutti in armunia

ccu Giuseppi in cumpagnia

viva Gesù cu Maria.

…Gloria, gloria in ecelsiu Deo

Paci in terra a nui ci dà…

…Gloria, gloria in eccelsiu Deo

Paci in terra a nui ci dà.

 

Rita Bevilacqua